quien cura el corazòn?..

cerchi un’altra pelle..
un altro corpo di cui prenderti vita..
le nuvole non sono più bianche
e il mio anello non brilla più..
a volte ci teniamo stretti piccole cose..
ci afferriamo a loro come un
bambino ad un giocatolo..
lui vorrebbe alzarsi da solo,
mentre ci prova fa dei giri sul tappetto..
mentre io prendo un po’ d’aria..
ma non fuori..
in un altro posto, mi capisci?!

So che hai qualcosa per me..

 

.. sono stanca e sconfitta, triste e furiosa.. lasciatemi sola.. cerco disperatamente un posto su questo mondo..  lasciatemi sola.. con le mie pagine, con i miei libri e la vecchia bibbia della nonna di mio padre.. ho paura della mia solitudine e da me stessa.. ma in tanto, l’unica cosa che voglio fare è rimanere in quell’angolo in ginocchio. Sì, quell’angolo dove posso respirare..   mentre vedo i ragni scendere e dove la muffa si impossessa delle mie pareti.. lasciatemi sola..  mentre il mio sangue scrive una storia buffa, dove poi, miracolosamente potrete vomitare la vostra indifferenza..

vita

potevo farlo.. potevo arrendermi davanti a te, far cadere due baci e via.. potevo farlo.. e invece me ne sto qui a pentirmi per le cose che non ho mai fatto.. vedo il mio corpo cadere su un abisso..  e alla mia anima piangere da sola.. senza poter nemmeno vivere un’altra volta.. senza sorrisi bistorti e senza mani calde e bianche.. senza te e senza un’opportunità per vivere di nuovo..

uno stop.. fermati!!.. ogni tanto ci vuole

i silenzi possono essere ascoltati.. gli urli si perdono in un  cammino dove un passeggero decide di lasciare la valigia.. respiri e vivi, mentre in qualche parte qualcuno vola verso un luogo dove non posso entrare, dove mi  è vietato l’ingresso.. dove il biglietto d’entrata, mi è riservato per un giorno tale di un mese tale di un anno tale, ma non per oggi..