uno stop.. fermati!!.. ogni tanto ci vuole

i silenzi possono essere ascoltati.. gli urli si perdono in un  cammino dove un passeggero decide di lasciare la valigia.. respiri e vivi, mentre in qualche parte qualcuno vola verso un luogo dove non posso entrare, dove mi  è vietato l’ingresso.. dove il biglietto d’entrata, mi è riservato per un giorno tale di un mese tale di un anno tale, ma non per oggi..

resti qui con me..

all’improvviso ti viene paura di vivere.. di quel vissuto, che sa di felicità.. a volte, desideriamo cose che non potremmo mai avere.. io ho camminato per tanto tempo, su un cammino sbagliato.. su un ricordo che non avrei dovuto avere, o almeno non in questa maniera.. ora il sole è uscito, non so per quanto tempo.. ma in tanto, io mi metto a ballare sotto una chiara luna.. così tanto per far qualcosa..

clavada..

e poi ti siedi qui e aspetti.. non sai veramente ciò che scriverai, perché in realtà, lo sai solo dentro di te; ma non sai come verrà quando le tue idee scenderanno per le tue dita.. non volevo  rendermi conto che, era arrivato il momento di lasciar cadere le mie braccia e di lasciar che tu entrassi in me.. come un giorno di pioggia.. come una tormenta dove sai che nessuno si bagnerà come te, perché quando la pioggia finirà, io avrò te.. e allora sarà tutto diverso..

non è lo stesso

ci sono piccole luci, dove le anime giocano a vivere..
una signora vende la sua vita per meno di un euro, ma nessuno
si accorge che lei non c’è più da un po’..
fa male renderti conto che le cose non sono come sembrano..
tu sei qui, ma in realtà la tua anima vaga in un altro universo..
in cui forse i gnomi contano il proprio oro seduti
nelle foglie verdi di un triste parco..                                                                                               che non c’è più..

mah

e dici cose che mi feriscono..
sei su un mondo diverso al mio..
e io non riesco a entrarci,                                                                                                           pur provandoci.. ma non ci riesco proprio..
rimango seduta ad aspettare che tu scenda,
ma sei troppo alto..
alto come quelle nuvole che in cielo a volte
si vedono bene e bianche, bianchissime..
quasi inesistente..

già

potrei incollare i tuoi occhi ad un quadro, fatto di legno e tristezze..
potrei strapparti il cuore e posarlo in mezzo alla mia sala,                                                     di modo che possa sentire i tuoi battiti..
io nascondo cose che nessuno saprà mai..
io nascondo cose che non vorrei raccontare..
ma tu sei un buon motivo perché io possa aprirmi del tutto..
t
i
a
m
o
..

tu non ci sei

strappami l’anima.. tu la conosci..
il mio silenzio si avvolge in un tormento del quale non esce..
corri verso l’infinito che non c’è..
che non puoi vedere..
le rocche suonano un canto allegro
e un bambino mi chiede un sorriso,                                                                                               mentre lascia volare in cielo i suoi palloncini di colori..